La tenuta si estende per 826ha, di cui 200 a vigneto, quasi a totale copertura del Comune di Rocca de’ Giorgi. I cambi generazionali non hanno mai messo in discussione la biodiversità tanto che l’azienda vanta ampie zone adibite a bosco e ricche aree faunistiche. Un tempo i possedimenti erano presidiati dagli abitanti delle 30 cascine, oggi, terminata l’epoca feudale, sono circondati da un ambiente vivo, naturale e incontaminato. L’azienda Conte Vistarino, a metà del 1800, importò poi impiantò le prime barbatelle di Pinot Nero in Italia, oggi sono 140ha, e, prima nella storia enologica del Paese, vinificò questo nobile vitigno secondo il metodo classico. Dalla fine dell’Ottocento l’Oltrepo è sinonimo di Pinot nero sia per la maggiore estensione dei vigneti in Italia riservati al vitigno Borgognone (2000 ha), sia per la riconosciuta superiore vocazione, fra le altre, dell’area di Rocca de’ Giorgi in Valle Scuropasso.

 

contevistarino-gallery